Il basso

IL BASSO

Il basso nella categoria degli strumenti musicali è lo strumento che produce generalmente suoni del registro GRAVE e ha sostanzialmente la peculiarità ed il compito generale di sostenere LE ARMONIE e LE MELODIE che si creano nelle esecuzioni di una musica d’insieme, di una band piuttosto che in una grande orchestra. Tecnicamente è lo strumento più efficace e fondamentale di un complesso musicale. In particolare il BASSO ELETTRICO, è uno strumento a corda, con una storia ed un ruolo meno appariscenti rispetto alla simile e cugina CHITARRA ELETTRICA, ciononostante il suo contributo in un gruppo musicale è indispensabile, e senza il quale, il suono di qualsiasi composizione risulterebbe assolutamente vuoto, povero, e per niente convincente. All’interno di una band conferisce il GROOVE, insieme alla batteria ed alle percussioni, scalda il suono delle canzoni, perché quella che si “sente” è proprio l esigenza di AMALGAMARE tutto il suono di una canzone o di qualsiasi composizione. Il basso è veramente in grado di svolgere questa funzione, un vero COLLANTE tra ritmica e armonia, infatti dal punto di vista strettamente tecnico, si integra armonicamente col resto del gruppo quindi si muoverà entro schemi di accordi, scale o modi, ma con una sua indipendenza sulle note da poter suonare. In genere esiste un rapporto strettissimo, viscerale, con la sezione delle percussioni, perciò anche il contributo RITMICO del basso sarà sempre di una preziosità unica; tuttavia potendo muoversi in discreta libertà e autonomia, le linee di basso saranno sempre in grado di apportare anche CONTENUTI MELODICI più o meno validi all’armonia generale! Grandi bassisti di diverse scene musicali, nel corso della storia della musica moderna ci hanno insegnato che questo grande strumento può regalare anche grandi slanci inaspettati, con grandi momenti solistici e di grandi RIFF in primo piano. Come non ricordare il riff di Come togheter di Paul Mc Cartney, il giro in 7/4 di Money dei PInk Floyd, le mitragliate solistiche di John Entwistle in My generation degli The Who, il groove unico di Another one bites the dust dei Queen, e certi “giri” epici nei brani di Michael Jackson o di James Brown! Concludendo, coloro che sostengono che il basso non serve a nulla, dimostrano di non avere capito proprio nulla! Il BASSO ELETTRICO si presenta come uno strumento del tutto simile ad una chitarra elettrica, ma con dimensioni maggiori e si presenta come un SOLID BODY, cioè formato da un blocco unico senza cassa di risonanza armonica ed un sistema elettrico di PICK UP magnetici che rilevano le vibrazioni delle corde e le trasformano in impulsi elettrici, che a loro volta verranno convertiti in suoni e amplificati da appositi AMPLIFICATORI che riescano a supportare e sopportare le frequenze del nostro basso (ovviamente frequenze molto basse). il resto delle meccaniche sono esattamente come quelle di una chitarra, il manico, la paletta.

4 CORDE

Rappresenta in pratica il padre acustico del CONTRABBASSO, che monta quindi lo stesso numero di corde, accordate sulle note MI LA RE SOL, è il modello più semplice da suonare dato il suo numero limitato di corde, rende più agevole il controllo del manico e la suonabilità, inoltre agevola le mani piccole dei bambini e dei principianti che devono “farsi le mani”.

5 CORDE E’ uno strumento abbastanza MODERNO, che fece breccia sul mercato verso la fine degli anni 80 dello scorso secolo, diventò subito un “must have” per i bassisti che volevano ampliare le proprie abilita tecniche ma soprattutto espressive, in quanto, con una corda in più ( il SI BASSO), garantisce uno spettro di note più ampio e ricco, anche se si guadagna solo un intervallo di una IV in basso!

6 CORDE

Il più giovane come tra i bassi elettrici, nato agli inizi degli anni 90, con un DO alto accordato una IV sopra la corda Sol. Offre un vastissimo campo di note, molto utilizzato nel Jazz moderno, da musicisti con tecnica avanzata e con esigenze solistiche e parti di spicco. In commercio attualmente possiamo trovare anche bassi a 8, 10, e addirittura 12 corde, accordati in modo tale che ogni corda doppia intoni un VIII superiore rispetto alla corda vicina. Questi bassi richiedono una grandissima abilità per essere “padroneggiati”!

IL BASSO FRETLESS

Sono bassi privi di tasti, sono ovviamente più difficili da suonare rispetto ai modelli standard, perché il fatto di essere sprovvisti delle barrette metalliche che formano i tasti (capotasti) che individuano le zone della tastiera, rende molto complesso premere la corda nel punto esatto e mantenere l intonazione! I bassisti che utilizzano bassi fretless sono musicisti che devono aver sviluppato una particolare sensibilità che permetta loro di orientarsi sulla tastiera, senza riferimenti……“alla cieca” quindi

Qualche citazione….

 la musica senza basso è come un elefante senza scheletro…. 

la musica senza basso è come una medusa sulla spiaggia…. 

la musica senza basso è….burdel….. 

la musica senza basso è come una anonima suoneria per cellulari….. 

Uso il mio strumento come se suonassi una voce umana, suono come se parlassi (Jaco Pastorius) 

Il basso è il cuore pulsante della musica (James Brown) 

Il bassista è il centro della band, tiene insieme tutto (Roberto Vecchioni)

 Gli haters redneck ci dicono che…… i bassisti sono chitarristi falliti

 il basso è lo strumento che serve se hai un amico che vuoi far entrare nella tua band ma è scarso alla chitarra 

il basso non si sente mai il basso si sente solo quando il bassista è scarso.

Consigli per l’acquisto:
Comments are closed.